Stefano Romano, Giovanni De Lazzari | Fondazione Pini a Milano

© Giovanni De Lazzari

La Fondazione Pini presenta due mostre dedicate all’arte contemporanea, la prima di Stefano Romano dal titolo “Monumenti impermanenti”, la seconda intitolata “Giorni segreti” di Giovanni De Lazzari, entrambe esposte negli spazi in Corso Garibaldi 2. La prima mostra, curata da Gabi Scardi, sarà presente fino al 20 dicembre 2019 e vede esposte opere inedite dell’artista realizzate negli ultimi anni, in particolare fotografie, video e performance. I lavori di Stefano Romano, attivo tra l’Italia e l’Albania, indagano le numerose contraddizioni della società in cui vive. Partecipa in prima persona proponendo una realtà in cui è evidente l’instabilità tra un passato difficile, di cui gli stessi edifici portano ancora i segni, e un futuro confusionario, difficile da delineare. Questi temi sono presenti nel video, qui in anteprima assoluta, dal titolo Zanafilla che significa origine, in cui è portata in scena la vicenda del Teatro Nazionale e del Teatro Sperimentale di Tirana, che è in programma di essere demolito, nonostante le innumerevoli proteste dei cittadini. L’artista si domanda come un paese possa scrivere il suo futuro se è in grado di cancellare senza ripensamenti il proprio passato. Continua a leggere

L’arte contemporanea si diffonde in Friuli, per Palinsesti 2019

© Lorenzo Missoni, Quello che resta è lindifferenza, 2019, Palinsesti

Sabato, 9 novembre 2019, è stata inaugurata la 27ma edizione della rassegna d’arte contemporanea Palinsesti a San Vito al Tagliamento, in provincia di Pordenone, presso l’Antico Teatro Sociale G. G. Arrigoni, che si protrarrà fino al 19 gennaio 2020. Quest’anno, un calendario ricco di appuntamenti, oltre al Premio in Sesto arrivato alla sua 11ma edizione, prevista anche la personale di Lorenzo Missoni e un interessante focus sull’arte emergente in una mostra collettiva con tre artiste. L’evento si sviluppa in quattro sedi differenti e coinvolgendo numerosi artisti, provenienti da diversi Paesi. Continua a leggere

Spazio ORR: il nuovo artist run space di Brescia, al gusto champagne

© Spazio ORR, Brescia

Il 28 settembre, a Brescia, apre per la prima volta al pubblico Spazio ORR, un luogo che, pensato dagli artisti per gli artisti, risponde all’esigenza di realizzare una piattaforma di incontro sulla quale istituire una congiunzione tra la città lombarda e le realtà più interessanti attive nell’arte contemporanea, sia nazionali che internazionali. Diretto da Federica Francesconi, Spazio ORR si trova nel centro storico di Brescia, in via Cremona 115, in origine magazzino di una macelleria diventato studio d’artista. L’impostazione, dunque, è quella di un artist-run space, aperto ad altri spazi indipendenti e no profit e che sarà dedicato, in particolare, ai linguaggi della performance, della videoarte e della installazione. Continua a leggere

Emiliano Ponzi interpreta le storie degli artigiani 4.0, per il Pirelli Annual Report

© emiliano-ponzi-pirelli-annual-report

© emiliano-ponzi-pirelli-annual-report

Il 16 maggio, presso lo studio Le Balene di Milano, è stata presentata, attraverso una performance dell’illustratore Emiliano Ponzi, la trasformazione digitale raccontata dall’azienda Pirelli nel bilancio integrato del 2017, dal titolo “Data meets passion”. Il tutto raccontato e documentato con le parole di tre importanti scrittori del panorama internazionale: Mohsin HamidTom McCarthy e Ted Chiang. Da diverso tempo, Pirelli si affianca al mondo dell’arte per raccontare il suo sviluppo e la sua identità, scegliendo di abbinare, alla pubblicazione dei bilanci, racconti di artisti differenti che, ogni anno, interpretano temi e tecniche diverse. Questa volta la scelta è caduta sul raccontare la situazione di trasformazione digitale che tutti noi, oggi, stiamo vivendo, alla quale non ci si può sottrarre e che sta portando verso un nuovo tipo di comunicazione sociale.
Il progetto prevede di affiancare a questa azienda altre cinque realtà italiane di artigiani 4.0 che attraverso la trasformazione digitale sono riusciti ad incrementare e sviluppare il successo della propria impresa.

Continua a leggere

Fino al 30.III.2018 Fabio Viale, Lucky Ehi Galleria Poggiali, Milano

Lucky Ehi arriva a Milano

Fabio Viale apre la sede di Milano della Galleria Poggiali, “Lucky Ehi”, un progetto site-specific in cui la scultura, la performance e l’elemento sonoro coesistono focalizzandosi tutti sugli stessi temi.
Viale parte dalla replica straordinariamente minuziosa e quasi fedele della Pietà vaticana di Michelangelo Buonarroti ma sottraendola della figura di Cristo: Maria ha una lacerazione sul grembo che viene colmata nel manifesto, contrapposto alla scultura, in cui si presenta sulle sue ginocchia la figura di Lucky Ehi. Lucky è un ragazzo nigeriano, fuggito a causa di una persecuzione religiosa, la sua fede però lo porterà in Italia ma in particolare tra le braccia consolatorie di Maria che allevia il dolore e apre le sue braccia al genere umano.

Continua a leggere