The Spirit of Sahiwal alla Fondazione Ferré: intervista a Sohail Karmani

© 9.-Karmani-pp-120-21

Il 18 febbraio, negli spazi della Fondazione Gianfranco Ferré, a Milano, è stato presentato The spirit of Sahiwal, volume di Sohail Karmani. Per l’occasione, abbiamo intervistato il docente e fotografo pakistano, che ci ha raccontato qualcosa di più, a proposito del suo ultimo progetto e della sua ricerca.

Una passione da trasmettere

Quando è incominciata la tua passione per la fotografia? Perché sei diventato fotografo?
«C’è sempre stata dentro di me la voglia di fotografare, la cosa è diventata più seria nel 2010 quando per la prima volta mi sono recato in Pakistan, terrà d’origine dei miei genitori.Da quel momento è nata dentro di me la voglia di documentare, catturare volti e storie e raccontare uno spaccato di mondo attraverso le immagini di alcune persone». Continua a leggere

Gli anni Novanta della televisione italiana in mostra a Milano

© Stefano-De-Luigi-Wendy-Windham-durante-il-programma-I-Cervelloni-1995-768×512

È con la firma del fotografo Stefano De Luigi, vincitore quattro volte del World Press Photo, che è stato inaugurato il nuovo progetto “Televisiva” il 5 febbraio, alla Other Size Gallery by Workness di Milano. Un ciclo espositivo facente parte di un programma interamente dedicato alla fotografia d’autore, con quattro appuntamenti l’anno, che in questo caso propone una trentina di scatti in bianco e nero che ripercorrono i momenti principali della scena televisiva italiana durante gli anni Novanta. La mostra, curata da Giusy Affronti, (fino al 10 aprile 2020) ci permette di fare un tuffo nel passato, quando i reality ed i programmi d’intrattenimento rappresentavano il Paese, facendoci riflettere su quanto il sistema televisivo influisse, ed ancora oggi continua a farlo, con la società stessa. Continua a leggere

Maïmouna Guerresi, Rûh/Soul | Officine Milanesi

© Maimouna-Guerresi-Torch-2016-Lambda-Print-100×63-cm-ciascuno-dittico-1068×844

Giovedì 14 novembre è stata inaugurata la personale di Maïmouna Guerresi, dal titolo “RÛH/SOUL”, che si protrarrà fino al 18 gennaio 2020, presso la galleria Officine dell’Immagine, a cura di Silvia Cirelli. Artista italo-senegalese, famosa a livello internazionale, recentemente protagonista indiscussa del Lagos Photo Festival, arriva con la più ampia mostra presentata fino ad oggi in Italia. Una mostra in cui sono le immagini che parlano da sole, otto gli scatti scelti ed il formato risulta essere sconvolgente perché alcune opere superano i tre metri di altezza, tendendo a coprire superfici di grandi dimensioni. Non solo la fotografia viene utilizzata come tecnica espressiva ma anche il video, la scultura ed inserite alcune installazioni. Evidente nel suo operato, è la grande forza rappresentativa connessa alla sensibilità in chiave contemplativa, carica di simbolismi e spiritualità. Continua a leggere

Stefano Romano, Giovanni De Lazzari | Fondazione Pini a Milano

© Giovanni De Lazzari

La Fondazione Pini presenta due mostre dedicate all’arte contemporanea, la prima di Stefano Romano dal titolo “Monumenti impermanenti”, la seconda intitolata “Giorni segreti” di Giovanni De Lazzari, entrambe esposte negli spazi in Corso Garibaldi 2. La prima mostra, curata da Gabi Scardi, sarà presente fino al 20 dicembre 2019 e vede esposte opere inedite dell’artista realizzate negli ultimi anni, in particolare fotografie, video e performance. I lavori di Stefano Romano, attivo tra l’Italia e l’Albania, indagano le numerose contraddizioni della società in cui vive. Partecipa in prima persona proponendo una realtà in cui è evidente l’instabilità tra un passato difficile, di cui gli stessi edifici portano ancora i segni, e un futuro confusionario, difficile da delineare. Questi temi sono presenti nel video, qui in anteprima assoluta, dal titolo Zanafilla che significa origine, in cui è portata in scena la vicenda del Teatro Nazionale e del Teatro Sperimentale di Tirana, che è in programma di essere demolito, nonostante le innumerevoli proteste dei cittadini. L’artista si domanda come un paese possa scrivere il suo futuro se è in grado di cancellare senza ripensamenti il proprio passato. Continua a leggere

Barbara Probst | Monica De Cardenas

© Barbara-Probst-Monica-De-Cardenas-Gallery-

Fino al 30 novembre 2019 la galleria Monica De Cardenas presenta la personale dell’artista tedesca Barbara Probst. Dopo aver studiato scultura all’Accademia di Monaco e fotografia all’Accademia di Düsseldorf ha scelto di vivere tra New York e Monaco. I suoi lavori sono stati presentati al MoMa di New York nel 2006, nella mostra “New Photography”, al Museum of Contemporary Photography di Chicago, al National Museum of Photography di Copenhagen e recentemente presso Le Bal a Parigi. L’artista lavora interrogandosi sulle possibilità che una singola immagine ha di rispecchia la realtà, lo stesso momento viene immortalato, attraverso la macchina fotografica, da punti di vista differenti e con metodologie diverse, dal bianco e nero su pellicola, a lucidi a colori e colori negativi. Continua a leggere