Da Hauser & Wirth i disegni di Louise Bourgeois. In versione digitale

Louise Bourgeois nella sua casa in West 20th Street, New York, 2000. Foto: © Jean-François Jaussaud; © The Easton Foundation / Concesso in licenza da VAGA alla Artists Rights Society (ARS), New York

Nonostante la chiusura dei suoi otto spazi espositivi a Zurigo, Londra, New York, Los Angeles, Hong Kong, Gstaad e St. Moritz e nel Somerset, la galleria svizzera più conosciuta al mondo – Hauser & Wirth – ha lanciato, il 25 marzo, la sua nuova piattaforma online “Dispatches”. Una raccolta di proposte virtuali, in cui sono presenti anche video originali, che mette in relazione il pubblico a casa con gli artisti della galleria.

Continua a leggere

Con il Coronavirus l’arte è sempre più online

Dan Perjovschi, TI BERG AMO, courtesy GAMeC, Bergamo

Anche questa settimana Meanwhile torna a segnalare le tre proposte più interessanti – a insindacabile giudizio della redazione! – provenienti dal mondo del contemporaneo.
Esercitiamo la nostra resistenza culturale esplorando da casa gli archivi e le mostre della Fondazione Prada di Milano, la collezione del MAXXI di Roma e ascoltando, prima sui social ma presto anche on air, Radio GAMeC che da Bergamo condivide testimonianze da una delle città più esposte nella battaglia al Covid-19. Per respirare a pieni polmoni l’ossigeno della cultura.

Continua a leggere

Coronavirus? L’arte non si ferma. Tre belle iniziative.

Vanni Cuoghi, Apnea cm 15×10, acquerello su carta

Come ormai noto, l’emergenza Covid-19 ha costretto alla chiusura musei ed enti artistici italiani fino al 3 aprile. Dopo un primo momento di smarrimento, sono fioriti però una moltitudine di programmi online ed iniziative social. Tra le tante proposte, ve ne segnaliamo tre: The Colouring Book, progetto di Milano Art Guide, Our Strange Days, diario visivo ideato da Vanni Cuoghi e Giuseppe Pero, e l’iniziativa della Pinacoteca di Brera che porta l’arte nelle case di tutti.

Continua a leggere

In viaggio per l’arte d’Europa

Andy Warhol, Ladies and Gentlemen (Wilhelmina Ross), 1975, acrylic paint and silkscreen ink on canvas. Italian private collection © 2020 The Andy Warhol Foundation for the Visual Arts, Inc. / Licensed by DACS, London

Il difficile momento che l’Italia sta attraversando a causa dell’epidemia di COVID-19 non può farci smettere di viaggiare con la fantasia. E chi, come noi, ha a che fare con l’arte tutti i giorni ha forse il dovere di incoraggiare la pratica dell’immaginazione ora più che mai. Questa settimana vi offriamo quindi un volo in giro per l’arte d’Europa: il nuovo sguardo all’opera del re della Pop Art Andy Warhol proposto dalla Tate Modern di Londra, le opere dell’artista statunitense Edward Hopper alla Fondation Beyeler di Basilea ed, infine, Nam June Paik al Museo Stedelijk di Amsterdam.

Continua a leggere

Piccoli, grandi mondi surreali di Patrick Jacobs da The Pool NYC, Milano

© Patrick Jacobs, Blue Green Moonlight, 2011. Courtesy The Pool NYC

La galleria The Pool NYC, a Milano, ospita “Nocturne”, la prima personale italiana dell’artista americano Patrick Jacobs, visitabile fino al 29 febbraio 2020. Artista nato nel 1972 in California, Jacobs vive e lavora a Brooklyn, New York. Ha conseguito la laurea presso la University of West Florida nel 1994, oltre che un MFA presso la School of the Art Institute di Chicago nel 1999. Per la sua mostra a The Pool NYC, Jacobs ha presentato diverse serie di opere realizzate negli ultimi due anni, come i famosi Diorami, paesaggi iperrealisti da scrutare attraverso una lente, oltre ad altre opere grafiche e sculture della serie Les Fleurs du Mal. Continua a leggere